preload

Cogenerazione solare: il Solar Cooling

Sotto il termine Solar Cooling (letteralmente “raffreddare con il sole”) sono raccolte tutte quelle tecnologie refrigeranti alimentate dall’energia solare.
Produrre freddo con il calore del sole consente di ottenere considerevoli risparmi energetici rispetto agli impianti convenzionali.

Come funziona il Solar Cooling?

Nel Solar Cooling, l’energia solare termica attiva un processo termodinamico. L’acqua calda, prodotta dagli impianti solari termici, infatti, è portata ad una temperatura di 7°C, attraverso l’uso di assorbitori. L’acqua così raffreddata è l’ideale per il trattamento dell’aria destinata al condizionamento degli ambienti o ai processi di refrigerazione.

Quali modelli posso scegliere?

Il Solar Cooling è un sistema che si articola in un variegato panorama di versioni in relazione alle esigenze a cui deve rispondere.
Una prima classificazione si basa sull’apporto energetico. La sola energia solare, infatti, non sempre riesce a coprire il fabbisogno energetico della macchina refrigerante, per cui possiamo avere altri due tipi di sistemi:

  • sistemi interamente solari (autonomi): la caratteristica principale è quella di non avere la necessità di apporto di energia primaria. D’altra parte si climatizza solo nella misura consentita dagli effettivi apporti solari;
  • sistemi solari assistiti: nel caso in cui il sistema di climatizzazione solare non raffreddi sufficientemente gli ambienti, conviene integrarlo con una macchina frigorifera a compressione.

.

Una seconda classificazione si effettua in base ai tipi di pannelli solari scelti per alimentare la macchina refrigerante. Esistono, infatti, diverse tipologie di pannelli solari che si differenziano in base alla temperatura alla quale sono in grado di operare:

  • Collettore solare ad aria
  • Collettore solare piano
  • Collettore parabolico fisso
  • Collettori a tubi sotto vuoto

.

Una terza classificazione viene invece effettuata sulla base del mezzo termovettore usato e al tipo di distribuzione delle reti:

  • Mezzo termovettore aria: Nell’edificio viene realizzato un impianto centralizzato di canalizzazioni che favoriscono la ventilazione
  • Mezzo termovettore acqua refrigerata: In questo caso all’impianto centralizzato è accostata una macchina refrigerante; il liquido refrigerato, quindi, attraverso un adeguato impianto, viene distribuito per tutto l’edificio.
  • Mezzo termovettore aria e acqua: Si ha l’unione delle due tecnologie precedenti

.

Quali sono i benefici?

  • Ridotti consumi di energia elettrica
  • Silenziosità e durata
  • Ridotti costi di manutenzione
  • Installazione all’aperto e dimensioni ridotte
  • Parzializzazione e controllo modulare
  • Risparmio energetico

.

Quali possono essere i soggetti interessati?

  • Industria
  • Hotel
  • Centri commerciali
  • Case di cura e di riposo
  • Uffici pubblici
  • Istituti di credito